TAR-Sicilia-per-una-nota-emittente-siciliana-fondo-di-integrazione-salariale

DLCI vince al TAR Sicilia per una nota emittente siciliana: annullato il diniego del Fondo di integrazione salariale

Una nota emittente televisiva regionale ha chiesto l’annullamento del provvedimento di reiezione del FIS ex art. 29 del D.lgs. n. 148/2015. L'istanza era stata respinta in quanto la società non aveva espletato la procedura di consultazione sindacale come previsto dalla normativa vigente (art.14 del D. Lgs. 148/2015) trasmettendo l’informativa alle articolazioni territoriali delle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale in merito alle cause di sospensione o di riduzione dell'orario di lavoro, l'entità e la durata prevedibile e il…

Read more

Sanzione-disciplinare-studio-legale

Nel lavoro pubblico è nulla la sanzione disciplinare irrogata oltre i termini perentori previsti dalla legge

Gli avv.ti prof. Lorenzo Maria Dentici e Luigi Maini Lo Casto, partner dello studio legale DLCI, hanno assistito con successo un dipendente di un’azienda sanitaria siciliana in una controversia avente ad oggetto l’impugnazione di una sanzione disciplinare conservativa di rilevante entità (sospensione dal lavoro e dalla retribuzione per mesi uno). La difesa del lavoratore – oltre all’infondatezza nel merito degli addebiti – ha rilevato la violazione dei termini perentori di cui all’art. 55 bis del d.lgs. 165/2001, osservando che, sulla…

Read more

reiterazione dei contratti

Reiterazione dei contratti a termine nel lavoro pubblico: la stabilizzazione elimina il danno

L’avv. Luigi Maini Lo Casto, partner dello studio legale DLCI, ha assistito con successo un ente locale siciliano in una controversia contro alcuni lavoratori assunti con contratti a termine, più volte prorogati nel tempo oltre il tetto di trentasei mesi. I lavoratori hanno chiesto il risarcimento del danno comunitario da illegittima reiterazione dei contratti in una misura compresa tra le 2,5 e le 12 mensilità di retribuzione. Accogliendo la tesi difensiva del Comune, che ha fatto leva sull’avvenuta stabilizzazione dei…

Read more

Operai forestali

Gli operai forestali a tempo determinato hanno diritto all’indennità di anzianità: la Regione siciliana condannata

L’avv. prof. Lorenzo Maria Dentici e l’avv. Luigi Maini Lo Casto, partner dello studio legale DLCI, insieme all’associate, avv. Giorgio Petta, hanno sostenuto l’illegittimità della mancata corresponsione in favore degli operai a tempo determinato di qualsiasi retribuzione o indennità di anzianità, in dispregio di quanto stabilito dalla clausola 4 dell’Accordo quadro allegato alla Direttiva 1999/70/CE, essendo questo un trattamento deteriore  rispetto a quello dei lavoratori a tempo indeterminato comparabili. Il Tribunale di Palermo, accogliendo tali prospettazioni, con due sentenze rese…

Read more

la prova in giudizio

La prova in giudizio dell’atto interruttivo della prescrizione dei contributi da parte dell’ente previdenziale

Gli avv.ti prof. Lorenzo Maria Dentici e Luigi Maini Lo Casto, partners dello studio legale DLCI, hanno assistito con successo una società editrice di un noto quotidiano in un giudizio di opposizione avverso un avviso di addebito Inps, deducendo l’illegittimità dell’atto impugnato per difetto e/o carenza di motivazione, l’insussistenza della pretesa fatta valere dall’ente previdenziale e l’intervenuta prescrizione del credito. Il Tribunale di Palermo ha accolto l’opposizione annullando l’avviso di addebito per intervenuta prescrizione. In particolare il Tribunale ha affrontato…

Read more

Mansioni superiori

Mansioni superiori e prescrizione dei contributi previdenziali

L’avv. prof. Lorenzo Maria Dentici, partner dello studio legale DLCI ha assistito con successo una società di trasporto urbano nel giudizio promosso da un lavoratore innanzi alla Corte di Cassazione volto ad ottenere il versamento della contribuzione sulle differenze retributive per le mansioni superiori svolte. In particolare, dopo che nel 2001 la Corte di appello di Palermo aveva dichiarato il diritto del lavoratore trattamento retributivo relativo al "livello sesto, operaio qualificato" con decorrenza dal giugno 1990, condannando quest’ultima al pagamento…

Read more

Incarico ditigenziale

Incarico dirigenziale di struttura complessa nelle aziende sanitarie e natura non concorsuale della selezione

Gli avvocati prof. Lorenzo Maria Dentici e Luigi Maini Lo Casto, partners dello studio legale DLCI, insieme all’associate Cinzia Maria Luisa Rizzolo hanno assistito con successo un dirigente medico in un ricorso proposto da altro collega per ottenere il conferimento di un incarico di struttura complessa presso un’azienda sanitaria. Quest’ultimo ha lamentato in particolare che la Commissione di valutazione fosse incorsa in evidenti errori logici e matematici, sia con riferimento alla attribuzione dei punteggi riferiti al colloquio sia con riferimento…

Read more

Dirigenza generale

Dirigenza generale e incarico equivalente: la Regione siciliana condannata al risarcimento del danno

Gli avvocati prof. Lorenzo Maria Dentici e Luigi Maini Lo Casto, partners dello studio legale DLCI, insieme all’associate Giorgio Petta hanno assistito con successo un ex dirigente generale della Regione siciliana che aveva lamentato il mancato rispetto della clausola di salvaguardia prevista dall’art. 42 del CCRL del personale con qualifica dirigenziale. Tra la scadenza dell’incarico di Dirigente generale nel 2014 e fino al collocamento in quiescenza avvenuto nel 2016, il dirigente non aveva ricevuto un incarico equivalente sotto il profilo…

Read more

Clausule di riassunzione

Il rapporto tra bando di gara e clausole di riassunzione del CCNL per i dipendenti di imprese e società esercenti servizi ambientali

Una società del settore della raccolta dei rifiuti, a seguito dell’aggiudicazione della gara presso un comune siciliano, ha ritenuto che le previsioni in materia di obblighi di riassunzione previste nel bando di gara prevalessero (escludendole) sulle simmetriche clausole del CCNL per i dipendenti di imprese e società esercenti servizi ambientali, ritenendo così di non dover assumere i lavoratori in forza all’impresa uscente, bensì quelli in servizio nella società d’ambito che ne avessero fatto richiesta. La Corte di Appello di Palermo…

Read more

Richiesta di reintegrazione

Richiesta di reintegrazione nelle mansioni e tutela d’urgenza

Una multinazionale del settore dell’importazione e della vendita di frutta ha operato una redistribuzione dei clienti fra i quadri della società e uno di questi ha lamentato la sua sostanziale dequalificazione professionale e, in particolare, lo svuotamento della propria attività, chiedendo al giudice del lavoro di ordinare al datore la reintegrazione nelle mansioni secondo gli standard quantitativi precedenti.  La società, assistita dallo studio legale DLCI, con gli avv.ti prof. Lorenzo Maria Dentici e Luigi Maini Lo Casto, ha resistito in…

Read more